..::Sant'Agata Militello::..


Vai ai contenuti

Menu principale:


San Salvatore di Fitalia

HINTERLAND



San Salvatore di Fitalia

Mollemente adagiato sul crinale di un’amena collina il paese si estende da nord a sud e domina da tutti i lati la vallata. La natura non poteva creare una posizione più felice ed acconcia per un centro abitato. Aperto da tutti i lati, libero da tutti i punti cardinali, il paese gode di un salubrità eccezionale, l’aria è fine e pura, le sue acque limpide, i tramonti mirifici. Le immediate vicinanze del paese sono ricoperte di pinete e di vasti sughereti, le pendici del monte sono coltivate per la maggior parte a noccioleti, oliveti e vigne. Non mancano, però, i boschi di castagni e di querce, i giardini di agrumi e ogni albero da frutta. Il turista che arriva rimane sorpreso dall’ ampiezza e dalla bellezza del panorama che si godono da ogni lato. Il 20 agosto, ogni anno, si svolge la festa patronale di San Calogero Eremita. Il giorno prima, alle 17 viene portata in solenne processione la Madonna Bambina, che affettuosamente viene chiamata dalla popolazione “Bambina di San Calogero” che procede sotto un baldacchino ricco di ricami. A questo rituale segue la processione della reliquia, posta in un urna d’argento.

Quando la reliquia rientra in chiesa, hanno inizio i Vespri. Il 20 agosto, dopo la Messa solenne, ha luogo la processione. Il simulacro di San Calogero viene portato a spalla dai fedeli in mezzo ad un mare di popolo. È antica consuetudine fare il percorso della processione, portando il Santo un po’ avanti e un po’ indietro, percorsi questi che si chiamano “viaggi”.



Torna ai contenuti | Torna al menu