..::Sant'Agata Militello::..


Vai ai contenuti

Menu principale:


Villa Piccolo

HINTERLAND

VILLA PICCOLO

Villa Piccolo, antica residenza estiva dei baroni Piccolo di Calanovella, oggi museo e sede dell'omonima fondazione, si trova a Capo d'Orlando (cittadina a 15 km da Sant'Agata). La famiglia Piccolo, all'inizio degli anni trenta, decise di trasferirsi definitivamente da Palermo, per problemi economici, nella villa orlandina, dove i figli del barone (Agata Giovanna, Lucio e Casimiro) trascorsero tutta la loro vita.

Lucio Piccolo è ormai unanimamente riconosciuto come uno dei più rappresentativi poeti del Novecento. Poliglotta, geniale, dedicò la sua vita allo studio della letteratura italiana e straniera. La sua poesia si caratterizza per la rievocazione del passato che l'autore ha voluto immortalare attraverso l'arte e la descrizione di una natura rigogliosa, ammaliante, misteriosa e a tratti quasi metafisica.
Casimiro Piccolo era esperto di metapsichica ed appassionato di pittura e fotografia. La natura e la gente comune, colta nella spontaneità del quotidiano, erano i soggetti preferiti delle sue foto. Il giardino della villa era meta delle sue frequenti passeggiate notturne, nel corso delle quali andava alla ricerca di "presenze" ultraterrene, uomini o animali, che cercava anche di fotografare.
Agata Giovanna Piccolo si dedicò con notevoli risultati alla botanica, contribuendo ad arricchire la flora mediterranea del suo giardino, che divenne un vero e proprio parco naturale, con una varietà di stupendi esemplari.

E' noto l'amore che i baroni Piccolo nutrivano per i loro cani, al punto da assaggiare di persona il cibo che i servitori gli preparavano, e numerose sono le foto che li ritraggono insieme agli amati animali. Testimonianza di questo grande affetto è un piccolo cimitero, unico in Italia e fra i pochi in Europa, in cui sono sepolti una trentina di cani e alcuni gatti, ciascuno con una lapide su cui è stato inciso il nome.
Particolare è la biblioteca, costituita da circa 10.000 volumi scritti in diverse lingue, che conserva libri di letteratura, poesia e arte, fiabe dell'800, classici latini e greci, riviste di botanica, libri di esoterismo e trattati di magia.
All'interno della villa-museo è anche possibile visitare la camera dove alloggiava, durante le sue visite, Giuseppe Tomasi di Lampedusa, cugino dei baroni Piccolo e autore del famoso romanzo "Il Gattopardo". Alcune pagine del romanzo furono scritte proprio a Villa Piccolo, dove si conservano ancora varie lettere autografe dello scrittore.




Torna ai contenuti | Torna al menu